I Quaderni di Luisa (da 'I Diari della Sacher')


58a BIENNALE DI VENEZIA
-SELEZIONE UFFICIALE-
SEZIONE NUOVI TERRITORI

Regia Isabella Sandri & Giuseppe M. Gaudino  / documentario / produzione Sacher Film, in collaborazione con TELE + e RAI TRE / durata 27 min. / Dv Cam- Beta SP/ Anno prod. 2001 / Italia /

'I Quaderni di Luisa' fa parte della serie de “I Diari della Sacher” prodotti da Nanni Moretti e da Angelo Barbagallo, tratti dagli scritti autobiografici dell’Archivio Diaristico Nazionale di Pieve Santo Stefano. Questo documentario è dedicato alle madri che non sono scappate di casa. A quelle che si sono sacrificate per i figli e hanno sopportato tutto (violenza, dolore, solitudine,depressione) pur di non abbandonare i figli a un “padre che padre non era” Un sacrificio inutile che ha rovinato venticinque anni della vita di una donna e buona parte delle esistenze dei figli. In cerca di spiegazioni e risposte , da tutto questo ‘nero’, ora esce solo il viso di Luisa, come una parola luminosa.

Sinossi

E’ la storia di Luisa T.  che si sposa a 18 anni, che mette al mondo due figli, che si occupa della casa e dei lavori in campagna. A 35 anni decide di scrivere un diario. Anche prima aveva scritto saltuariamente alcune pagine della sua vita, dei suoi sogni e desideri su dei quaderni che poi però aveva bruciato e strappato perché illeggibili e sgrammaticati. Dal 1981 i quaderni diventano l’unico interlocutore per una Luisa sempre più sola e disperata che inizialmente si limita a descrivere la noia ripetitiva delle sue giornate di casalinga con un marito-padrone che non ama e che non la ama, e poi via via riesce ad affidare a questo amico muto e paziente -che sopporta tutti i suoi errori e la sua ignoranza- anche la narrazione dei suoi primi moti di ribellione e tutto il dolore che altrimenti nessuno ascolterebbe.  

E’ un lavoro dedicato alle madri che non sono scappate da casa. A quelle che si sono sacrificate per i figli e hanno sopportato tutto (violenza, dolore, solitudine, depressione) pur di non abbandonare i figli a un “padre che padre non era”. Un sacrificio inutile, che ha rovinato 25 anni della vita di una donna e buona parte delle esistenze dei figli.

E’ un ‘ritratto in nero’ sulla non-esistenza di Luisa come giovane donna e moglie di tanti anni, su un non-luogo (Luisa non ha più una casa, né un letto suo; solo scatoloni sparsi in giro), sulla sua negazione come madre, non più riconosciuta né accettata dai figli.

In cerca di spiegazioni e di risposte, da tutto questo ‘nero’, ora esce solo il suo viso, come una parola luminosa.

Cast tecnico

Direttore di produzione   Fabrizio Amato

Suono   Gianluca Costamagna

Fotografia e Riprese   Isabella Sandri

Montaggio   Rosella Mocci

Musiche   Epsilon Indi

Prodotto da Angelo Barbagallo e Nanni Moretti per la Sacher Film in collaborazione con Rai Tre e Tele +

 

Materiali di repertorio:

Flora Sarti Zuppani

Carl Th. Dreyer  (scene tratte da ‘L’Angelo del Focolare’)

Isabella Sandri  &  Giuseppe M. Gaudino

Archivio del Movimento Operaio

Cast artistico

Luisa Trasolini

Eleonora Verrelli

Home page »